Trapanarella – 1957 – (Canto ormai popolare di denuncia dei guasti della società e dell’ipocrisia)

Trapanarella cu ‘o trapanaturo
e tràpana ‘a mamma e ‘a figlia pure.
E trapanianno, ‘mmiez’a sti guaje,
canto ‘a canzona d’ ‘a cuccuvaja.
Trapanarella con l’aspo
e trapana la mamma e anche la figlia.
E trapanando, in mezzo a questi guai,
canto la canzone della civetta.
Na signurina cammina p’ ‘a strata,
nu giuvinotto lle fa na guardata
e chella, che sùbbeto è femmena onesta,
aret’ ‘o purtone, s’aìza ‘a vesta.
San Gennà’, pènzace tu,
ca tanto d’ ‘e ccorne ‘un se campa cchiù.
Una signorina cammina per strada,
un giovanotto le lancia uno sguardo
e quella, che subito è donna onesta,
dietro al portone, si alza la veste.
San Gennaro, pensaci tu,
perchè grazie alle corna non si vive più.
Nu prèvete, ‘ncopp’a ll’altare maggiore,
mme pare nu santo prerecatore,
ma quanno va dint’ ‘a sacrestìa,
vò’ mille lire p’ ‘Avemmaria.
San Gennà’, tu vide a chiste?
‘Mbrogliano pure a Giesù Cristo.
Un prete, sull’altare maggiore,
mi sembra un santo predicatore,
ma quando va in sacrestia,
vuole mille lire per Ave Maria.
San Gennaro, li vedi questi?
Ingannano anche Gesù Cristo.
E nuce, nucelle e castagne ‘nfurnate,
quanta paìse aggiu curriate,
‘a Torre d’ ‘o Grieco e ‘Annunziata,
e quanta guaje ch’aggio truvato,
e quanta defiette ch’aggiu ‘ncantate.
E noci, nocciole e castagne al forno,
quanti paesi ho frustato,
da Torre del Greco ad Annunziata,
e quanti guai che ho trovato,
e quanti difetti che ho cantato.
‘E culamappate só ‘e Veneziane,
‘e magnapulenta sóngo ‘e Milano,
‘e meglie cantante stanno a Giugliano,
e ‘e tirapistole stanno a Casale.
Gli infagottati nei pantaloni sono i veneziani,
i mangia polenta sono di Milano,
i migliori cantanti stanno a Giugliano,
e i tirapistole stanno a Casale.
‘E ffacce toste sóngo italiane,
‘e cchiù mafiuse só’ siciliane,
‘e po’ ‘e sbruffune songo ‘e rumane,
‘e ffemmene belle só’ napulitane
e ‘e mmazze ‘e scopa só’ americane.
Le facce toste sono italiane,
i più mafiosi sono i siciliani,
i più sbruffoni sono i romani,
le donne belle sono napoletane
e i meno importanti sono gli americani.
‘E ‘mbrogliamestiere só’ ll’ingegnere,
‘e ‘mbrogliamalate só’ ll’avvucate,
‘e priévete fanno ‘e zucalanterne
e ‘e cchiù mariuole stann’ô guverno.
San Gennà’, dice ca sì,
chi ‘o ssape comme va a fernì.
Gli imbroglia mestieri sono gli ingegneri,
gli imbroglia ammalati sono gli avvocati,
i preti fanno i leccapiedi
e i più ladri stanno al governo.
San Gennaro, dici di sì,
chi lo sa come va a finire.
Na signurina, a via dei Mille,
s’ha misa ‘a parrucca ‘a copp’ê capille.
Quanno va â casa se magna ‘e ppurpette
e chi tene famma guarda ‘e rimpetto.
Una signorina in via dei Mille,
Si è messa la parrucca sui capelli.
Quando va a casa mangia polpette
e chi ha fame guarda di fronte.
Nu giuvinotto, cu ‘e sòrde d’ ‘o pato,
s’accatta ‘o cazone ‘mpusumato.
Po’ va dint’ ‘a machina, allero allero,
e vò’ menà sotto a chi va a père.
Un giovanotto, con i soldi del padre,
si compra dei pantaloni inamidati.
Poi va in macchina, allegro allegro,
e vuole investire chi va a piedi.
‘E ccunuscite a sti milorde,
chille stanno ‘nguajate ‘e sorde.
‘E pate só’ tanta scurnacchiate
e campano ‘ncopp’ ‘a famme ‘e ll’ate.
San Gennà’, pènzace tu,
ca tanto d’ ‘e ‘mbruoglie ‘un se campa cchiù.
Li conoscete questi “milord”,
quelli che sono pieni di soldi.
I padri sono tanti cornuti
e vivono sulla fame degli altri.
San Gennaro, pensaci tu,
perchè grazie agli imbrogli non si vive più.
Mme ne vaco pe’ sott’ ‘o muro
e sento ‘addore d’ ‘e maccarune.
Mme ne vaco pe’ Qualiano
e sento ‘addore d’ ‘e ppatane.
Passeggio sotto il muro
e sento l’odore dei maccheroni.
Passeggio per Qualiano
e sento l’odore delle patate.
Mme ne vaco p’ ‘o Granatiéllo
e sento ‘addore d’ ‘e friariélle.
Ma si vaco add’ ‘o putecaro
tutte cosa va cchiù caro.

Ma vedite quando maje
‘sta miseria va aumentanno.

Passeggio per il Granatiello
e sento l’odore dei friarielli.
Ma se vado dal negoziante
costa tutto più caro.

Ma guardate quanto
questa miseria sta aumentando.

E aumenta ogge,
aumenta dimane
e doppodimane,
sabato sí
e dummeneca no.
E aumenta oggi,
aumenta domani
e dopodomani,
sabato sì
e domenica no.
Chi fatica se more ‘e famme
na vota ca sì
e na vota ca no.
Chi lavora muore di fame
una volta sì
e una volta no.
Chi fatica se more ‘e fammma
na vota ca sì
e na vota ca no.
Chi lavora muore di fame
una volta sì
e una volta no.

Il Morbo di Beautiful (M. Masini ) – 1995

tv teste vuote
Respira un pò di idrogeno se tu ti senti giù
Non è un allucinogeno lo danno anche alla USL
E buttati nel traffico per stare in compagnia
Nelle case c’è una strana epidemia

I sintomi somigliano all’imbecillità
Ti calano gli zuccheri e si piange d’allegria
A lungo andare dà impotenza o frigidità
E la scienza dice che una terapia non c’è
è il morbo di Beautiful

Si prendono si lasciano e lui si chiama Ridge
Il resto è donne e dollari e appartamenti kitch
Se perdi una puntata poi non ci capisci più
Nel frattempo il babbo si è sposato Brooke
Chi è Brooke? La bella di Beautiful

C’è la coppa UEFA Il nome della Rosa
è atterrato un UFO e la lira è scesa
C’è un televisore e un telecomando
Può cascare il mondo e tu…
E tu guardi Beautiful

Ma quale bomba atomica ma quale carestia
L’umanità è in pericolo lo dice anche la CIA
La malattia del secolo non ci interessa più
Il problema è Ridge che torna insieme a Brooke
Chi è Brooke? La bella di Beautiful

Gli psicanalisti sono tutti tristi
Lasciano i congressi sempre più depressi
Anche Nostradamus ha previsto un virus
Che non si guarisce più uh uh è il morbo di Beautiful
Biancaneve e Greta Garbo tutti i sogni di Fellini

La corsa delle bighe di Ben Hur
La Ciociara e Casa Blanca e Miracolo a Milano
Tutto questo adesso non c’è più…
E tu guardi Beautiful

Hanno installato i video per tutta la città
Controllano il cervello e fanno il culo a chi ce l’ha
Ti portano allo stadio e su un enorme mega screen
Ti costringono a guardare Brooke e Ridge
Chi è Ridge? Il bello di Beautiful
Chi è Brooke? La bella di Beautiful
E tu? E tu guardi Beautiful
E tu? E tu guardi Beautiful

Beato Giovanni Paolo II

 

CAPPELLA PAPALE
IN OCCASIONE DELLA
BEATIFICAZIONE DEL SERVO DI DIO GIOVANNI PAOLO II

OMELIA DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI

Sagrato della Basilica Vaticana
Domenica, 1° maggio 2011

 

Cari fratelli e sorelle!

Sei anni or sono ci trovavamo in questa Piazza per celebrare i funerali del Papa Giovanni Paolo II. Profondo era il dolore per la perdita, ma più grande ancora era il senso di una immensa grazia che avvolgeva Roma e il mondo intero: la grazia che era come il frutto dell’intera vita del mio amato Predecessore, e specialmente della sua testimonianza nella sofferenza. Già in quel giorno noi sentivamo aleggiare il profumo della sua santità, e il Popolo di Dio ha manifestato in molti modi la sua venerazione per Lui. Per questo ho voluto che, nel doveroso rispetto della normativa della Chiesa, la sua causa di beatificazione potesse procedere con discreta celerità. Ed ecco che il giorno atteso è arrivato; è arrivato presto, perché così è piaciuto al Signore: Giovanni Paolo II è beato!

Desidero rivolgere il mio cordiale saluto a tutti voi che, per questa felice circostanza, siete convenuti così numerosi a Roma da ogni parte del mondo, Signori Cardinali, Patriarchi delle Chiese Orientali Cattoliche, Confratelli nell’Episcopato e nel Sacerdozio, Delegazioni Ufficiali, Ambasciatori e Autorità, persone consacrate e fedeli laici, e lo estendo a quanti sono uniti a noi mediante la radio e la televisione.

Questa Domenica è la Seconda di Pasqua, che il beato Giovanni Paolo II ha intitolato alla Divina Misericordia. Perciò è stata scelta questa data per l’odierna Celebrazione, perché, per un disegno provvidenziale, il mio Predecessore rese lo spirito a Dio proprio la sera della vigilia di questa ricorrenza. Oggi, inoltre, è il primo giorno del mese di maggio, il mese di Maria; ed è anche la memoria di san Giuseppe lavoratore. Questi elementi concorrono ad arricchire la nostra preghiera, aiutano noi che siamo ancora pellegrini nel tempo e nello spazio; mentre in Cielo, ben diversa è la festa tra gli Angeli e i Santi! Eppure, uno solo è Dio, e uno è Cristo Signore, che come un ponte congiunge la terra e il Cielo, e noi in questo momento ci sentiamo più che mai vicini, quasi partecipi della Liturgia celeste.

“Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!” (Gv 20,29). Nel Vangelo di oggi Gesù pronuncia questa beatitudine: la beatitudine della fede. Essa ci colpisce in modo particolare, perché siamo riuniti proprio per celebrare una Beatificazione, e ancora di più perché oggi è stato proclamato Beato un Papa, un Successore di Pietro, chiamato a confermare i fratelli nella fede. Giovanni Paolo II è beato per la sua fede, forte e generosa, apostolica. E subito ricordiamo quell’altra beatitudine: “Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli” (Mt 16,17). Che cosa ha rivelato il Padre celeste a Simone? Che Gesù è il Cristo, il Figlio del Dio vivente. Per questa fede Simone diventa “Pietro”, la roccia su cui Gesù può edificare la sua Chiesa. La beatitudine eterna di Giovanni Paolo II, che oggi la Chiesa ha la gioia di proclamare, sta tutta dentro queste parole di Cristo: “Beato sei tu, Simone” e “Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!”. La beatitudine della fede, che anche Giovanni Paolo II ha ricevuto in dono da Dio Padre, per l’edificazione della Chiesa di Cristo.

Ma il nostro pensiero va ad un’altra beatitudine, che nel Vangelo precede tutte le altre. E’ quella della Vergine Maria, la Madre del Redentore. A Lei, che ha appena concepito Gesù nel suo grembo, santa Elisabetta dice: “Beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto” (Lc 1,45). La beatitudine della fede ha il suo modello in Maria, e tutti siamo lieti che la beatificazione di Giovanni Paolo II avvenga nel primo giorno del mese mariano, sotto lo sguardo materno di Colei che, con la sua fede, sostenne la fede degli Apostoli, e continuamente sostiene la fede dei loro successori, specialmente di quelli che sono chiamati a sedere sulla cattedra di Pietro. Maria non compare nei racconti della risurrezione di Cristo, ma la sua presenza è come nascosta ovunque: lei è la Madre, a cui Gesù ha affidato ciascuno dei discepoli e l’intera comunità. In particolare, notiamo che la presenza effettiva e materna di Maria viene registrata da san Giovanni e da san Luca nei contesti che precedono quelli del Vangelo odierno e della prima Lettura: nel racconto della morte di Gesù, dove Maria compare ai piedi della croce (cfr Gv 19,25); e all’inizio degli Atti degli Apostoli, che la presentano in mezzo ai discepoli riuniti in preghiera nel cenacolo (cfr At 1,14).

Anche la seconda Lettura odierna ci parla della fede, ed è proprio san Pietro che scrive, pieno di entusiasmo spirituale, indicando ai neo-battezzati le ragioni della loro speranza e della loro gioia. Mi piace osservare che in questo passo, all’inizio della sua Prima Lettera, Pietro non si esprime in modo esortativo, ma indicativo; scrive, infatti: “Siete ricolmi di gioia” – e aggiunge: “Voi lo amate, pur senza averlo visto e ora, senza vederlo, credete in lui. Perciò esultate di gioia indicibile e gloriosa, mentre conseguite la meta della vostra fede: la salvezza delle anime” (1Pt 1,6.8-9). Tutto è all’indicativo, perché c’è una nuova realtà, generata dalla risurrezione di Cristo, una realtà accessibile alla fede. “Questo è stato fatto dal Signore – dice il Salmo (118,23) – una meraviglia ai nostri occhi”, gli occhi della fede.

Cari fratelli e sorelle, oggi risplende ai nostri occhi, nella piena luce spirituale del Cristo risorto, la figura amata e venerata di Giovanni Paolo II. Oggi il suo nome si aggiunge alla schiera di Santi e Beati che egli ha proclamato durante i quasi 27 anni di pontificato, ricordando con forza la vocazione universale alla misura alta della vita cristiana, alla santità, come afferma la Costituzione conciliare Lumen gentium sulla Chiesa. Tutti i membri del Popolo di Dio – Vescovi, sacerdoti, diaconi, fedeli laici, religiosi, religiose – siamo in cammino verso la patria celeste, dove ci ha preceduto la Vergine Maria, associata in modo singolare e perfetto al mistero di Cristo e della Chiesa. Karol Wojtyła, prima come Vescovo Ausiliare e poi come Arcivescovo di Cracovia, ha partecipato al Concilio Vaticano II e sapeva bene che dedicare a Maria l’ultimo capitolo del Documento sulla Chiesa significava porre la Madre del Redentore quale immagine e modello di santità per ogni cristiano e per la Chiesa intera. Questa visione teologica è quella che il beato Giovanni Paolo II ha scoperto da giovane e ha poi conservato e approfondito per tutta la vita. Una visione che si riassume nell’icona biblica di Cristo sulla croce con accanto Maria, sua madre. Un’icona che si trova nel Vangelo di Giovanni (19,25-27) ed è riassunta nello stemma episcopale e poi papale di Karol Wojtyła: una croce d’oro, una “emme” in basso a destra, e il motto “Totus tuus”, che corrisponde alla celebre espressione di san Luigi Maria Grignion de Montfort, nella quale Karol Wojtyła ha trovato un principio fondamentale per la sua vita: “Totus tutus ego sum et omnia mea tua sunt. Accipio Te in mea omnia. Praebe mihi cor tuum, Maria – Sono tutto tuo e tutto ciò che è mio è tuo. Ti prendo per ogni mio bene. Dammi il tuo cuore, o Maria” (Trattato della vera devozione alla Santa Vergine, n. 266).

Nel suo Testamento il nuovo Beato scrisse: “Quando nel giorno 16 ottobre 1978 il conclave dei cardinali scelse Giovanni Paolo II, il Primate della Polonia card. Stefan Wyszyński mi disse: «Il compito del nuovo papa sarà di introdurre la Chiesa nel Terzo Millennio»”. E aggiungeva: “Desidero ancora una volta esprimere gratitudine allo Spirito Santo per il grande dono del Concilio Vaticano II, al quale insieme con l’intera Chiesa – e soprattutto con l’intero episcopato – mi sento debitore. Sono convinto che ancora a lungo sarà dato alle nuove generazioni di attingere alle ricchezze che questo Concilio del XX secolo ci ha elargito. Come vescovo che ha partecipato all’evento conciliare dal primo all’ultimo giorno, desidero affidare questo grande patrimonio a tutti coloro che sono e saranno in futuro chiamati a realizzarlo. Per parte mia ringrazio l’eterno Pastore che mi ha permesso di servire questa grandissima causa nel corso di tutti gli anni del mio pontificato”. E qual è questa “causa”? E’ la stessa che Giovanni Paolo II ha enunciato nella sua prima Messa solenne in Piazza San Pietro, con le memorabili parole: “Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!”. Quello che il neo-eletto Papa chiedeva a tutti, egli stesso lo ha fatto per primo: ha aperto a Cristo la società, la cultura, i sistemi politici ed economici, invertendo con la forza di un gigante – forza che gli veniva da Dio – una tendenza che poteva sembrare irreversibile.

Swoim świadectwem wiary, miłości i odwagi apostolskiej, pełnym ludzkiej wrażliwości, ten znakomity syn Narodu polskiego pomógł chrześcijanom na całym świecie, by nie lękali się być chrześcijanami, należeć do Kościoła, głosić Ewangelię. Jednym słowem: pomógł nam nie lękać się prawdy, gdyż prawda jest gwarancją wolności.

[Con la sua testimonianza di fede, di amore e di coraggio apostolico, accompagnata da una grande carica umana, questo esemplare figlio della Nazione polacca ha aiutato i cristiani di tutto il mondo a non avere paura di dirsi cristiani, di appartenere alla Chiesa, di parlare del Vangelo. In una parola: ci ha aiutato a non avere paura della verità, perché la verità è garanzia della libertà.]

Ancora più in sintesi: ci ha ridato la forza di credere in Cristo, perché Cristo è Redemptor hominis, Redentore dell’uomo: il tema della sua prima Enciclica e il filo conduttore di tutte le altre.

Karol Wojtyła salì al soglio di Pietro portando con sé la sua profonda riflessione sul confronto tra il marxismo e il cristianesimo, incentrato sull’uomo. Il suo messaggio è stato questo: l’uomo è la via della Chiesa, e Cristo è la via dell’uomo. Con questo messaggio, che è la grande eredità del Concilio Vaticano II e del suo “timoniere” il Servo di Dio Papa Paolo VI, Giovanni Paolo II ha guidato il Popolo di Dio a varcare la soglia del Terzo Millennio, che proprio grazie a Cristo egli ha potuto chiamare “soglia della speranza”. Sì, attraverso il lungo cammino di preparazione al Grande Giubileo, egli ha dato al Cristianesimo un rinnovato orientamento al futuro, il futuro di Dio, trascendente rispetto alla storia, ma che pure incide sulla storia. Quella carica di speranza che era stata ceduta in qualche modo al marxismo e all’ideologia del progresso, egli l’ha legittimamente rivendicata al Cristianesimo, restituendole la fisionomia autentica della speranza, da vivere nella storia con uno spirito di “avvento”, in un’esistenza personale e comunitaria orientata a Cristo, pienezza dell’uomo e compimento delle sue attese di giustizia e di pace.

Vorrei infine rendere grazie a Dio anche per la personale esperienza che mi ha concesso, di collaborare a lungo con il beato Papa Giovanni Paolo II. Già prima avevo avuto modo di conoscerlo e di stimarlo, ma dal 1982, quando mi chiamò a Roma come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, per 23 anni ho potuto stargli vicino e venerare sempre più la sua persona. Il mio servizio è stato sostenuto dalla sua profondità spirituale, dalla ricchezza delle sue intuizioni. L’esempio della sua preghiera mi ha sempre colpito ed edificato: egli si immergeva nell’incontro con Dio, pur in mezzo alle molteplici incombenze del suo ministero. E poi la sua testimonianza nella sofferenza: il Signore lo ha spogliato pian piano di tutto, ma egli è rimasto sempre una “roccia”, come Cristo lo ha voluto. La sua profonda umiltà, radicata nell’intima unione con Cristo, gli ha permesso di continuare a guidare la Chiesa e a dare al mondo un messaggio ancora più eloquente proprio nel tempo in cui le forze fisiche gli venivano meno. Così egli ha realizzato in modo straordinario la vocazione di ogni sacerdote e vescovo: diventare un tutt’uno con quel Gesù, che quotidianamente riceve e offre nella Chiesa.

Beato te, amato Papa Giovanni Paolo II, perché hai creduto! Continua – ti preghiamo – a sostenere dal Cielo la fede del Popolo di Dio. Tante volte ci hai benedetto in questa Piazza dal Palazzo! Oggi, ti preghiamo: Santo Padre ci benedica! Amen.

 

© Copyright 2011 – Libreria Editrice Vaticana