La scala del Paradiso: “Chi chiede a Dio meno di quanto merita, riceverà certo più di quanto sia degno”

Chi conosce sé stesso con finissima sensibilità del cuore, getta un seme in terra; ma quelli che non seminarono così, non possono vedere fiorire l’umiltà. Chi conosce sé stesso ottiene di avere nell’animo il timore del Signore; e chi avanza puntellandosi su questo sentimento varcherà la porta dell’amore.

Contrizione, conoscenza di sé e umiltà son tre cose differenti. La contrizione è generata da una caduta. Chi cade si spezza e prega senza fiducia filiale, ma con lodevole impudenza; depresso com’è, si appoggia al bastone della speranza e se ne serve per scacciare il cane della disperazione.

La conoscenza di sé è lucidità dei propri limiti e ricordo spietato delle proprie minime pecche.

L’umiltà è la dottrina spirituale di Cristo, dottrina che viene ad unirsi spiritualmente e in segreto nel cuore di quelli che ne furono giudicati degni; è dottrina che le parole umane non possono esprimere. Chi chiede a Dio meno di quanto merita, riceverà certo più di quanto sia degno. Lo dimostra l’esempio del pubblicano. Chiedeva il perdono e ricevette la giustificazione. E il ladrone chiedeva soltanto al Signore che si ricordasse di lui nel suo Regno ma ricevette in eredità il paradiso intero.

 Dalla “Scala del Paradiso” di san Giovanni Climaco.

Annunci

Vieni Spirito Santo

San Giovanni Climaco

“Se lo Spirito Santo è detto ed è pace dell’ anima, l’ira è conturbazione del cuore; adunque neuna cosa è tanto contraria all’avvenimento dello Spirito Santo in noi a non lasciarcelo partecipare , quanto che l’ ira ed il furore.”

“Neuno ben savio pensi che la menzogna, ovvero bugia sia uno minimo peccato, perchè lo Spirito Santo dà contra essa la sentenzia più forte che possa essere, quando dice a Dio per lo profeta David : Signore, tu perderai e dannerai tutti quelli che parleranno la menzogna.”

“La mansuetudine è conducitrice della remissione de’ peccati, e confidenzia nell’ orazione e luogo dello Spirito Santo, secondo che dice Iddio per lo profeta Isaia : Sopra cui si riposerà lo Spirito mio, se non sopra quegli ch’è mansueto ed umile?”

Da “La scala del Paradiso