Trapanarella – 1957 – (Canto ormai popolare di denuncia dei guasti della società e dell’ipocrisia)

Trapanarella cu ‘o trapanaturo
e tràpana ‘a mamma e ‘a figlia pure.
E trapanianno, ‘mmiez’a sti guaje,
canto ‘a canzona d’ ‘a cuccuvaja.
Trapanarella con l’aspo
e trapana la mamma e anche la figlia.
E trapanando, in mezzo a questi guai,
canto la canzone della civetta.
Na signurina cammina p’ ‘a strata,
nu giuvinotto lle fa na guardata
e chella, che sùbbeto è femmena onesta,
aret’ ‘o purtone, s’aìza ‘a vesta.
San Gennà’, pènzace tu,
ca tanto d’ ‘e ccorne ‘un se campa cchiù.
Una signorina cammina per strada,
un giovanotto le lancia uno sguardo
e quella, che subito è donna onesta,
dietro al portone, si alza la veste.
San Gennaro, pensaci tu,
perchè grazie alle corna non si vive più.
Nu prèvete, ‘ncopp’a ll’altare maggiore,
mme pare nu santo prerecatore,
ma quanno va dint’ ‘a sacrestìa,
vò’ mille lire p’ ‘Avemmaria.
San Gennà’, tu vide a chiste?
‘Mbrogliano pure a Giesù Cristo.
Un prete, sull’altare maggiore,
mi sembra un santo predicatore,
ma quando va in sacrestia,
vuole mille lire per Ave Maria.
San Gennaro, li vedi questi?
Ingannano anche Gesù Cristo.
E nuce, nucelle e castagne ‘nfurnate,
quanta paìse aggiu curriate,
‘a Torre d’ ‘o Grieco e ‘Annunziata,
e quanta guaje ch’aggio truvato,
e quanta defiette ch’aggiu ‘ncantate.
E noci, nocciole e castagne al forno,
quanti paesi ho frustato,
da Torre del Greco ad Annunziata,
e quanti guai che ho trovato,
e quanti difetti che ho cantato.
‘E culamappate só ‘e Veneziane,
‘e magnapulenta sóngo ‘e Milano,
‘e meglie cantante stanno a Giugliano,
e ‘e tirapistole stanno a Casale.
Gli infagottati nei pantaloni sono i veneziani,
i mangia polenta sono di Milano,
i migliori cantanti stanno a Giugliano,
e i tirapistole stanno a Casale.
‘E ffacce toste sóngo italiane,
‘e cchiù mafiuse só’ siciliane,
‘e po’ ‘e sbruffune songo ‘e rumane,
‘e ffemmene belle só’ napulitane
e ‘e mmazze ‘e scopa só’ americane.
Le facce toste sono italiane,
i più mafiosi sono i siciliani,
i più sbruffoni sono i romani,
le donne belle sono napoletane
e i meno importanti sono gli americani.
‘E ‘mbrogliamestiere só’ ll’ingegnere,
‘e ‘mbrogliamalate só’ ll’avvucate,
‘e priévete fanno ‘e zucalanterne
e ‘e cchiù mariuole stann’ô guverno.
San Gennà’, dice ca sì,
chi ‘o ssape comme va a fernì.
Gli imbroglia mestieri sono gli ingegneri,
gli imbroglia ammalati sono gli avvocati,
i preti fanno i leccapiedi
e i più ladri stanno al governo.
San Gennaro, dici di sì,
chi lo sa come va a finire.
Na signurina, a via dei Mille,
s’ha misa ‘a parrucca ‘a copp’ê capille.
Quanno va â casa se magna ‘e ppurpette
e chi tene famma guarda ‘e rimpetto.
Una signorina in via dei Mille,
Si è messa la parrucca sui capelli.
Quando va a casa mangia polpette
e chi ha fame guarda di fronte.
Nu giuvinotto, cu ‘e sòrde d’ ‘o pato,
s’accatta ‘o cazone ‘mpusumato.
Po’ va dint’ ‘a machina, allero allero,
e vò’ menà sotto a chi va a père.
Un giovanotto, con i soldi del padre,
si compra dei pantaloni inamidati.
Poi va in macchina, allegro allegro,
e vuole investire chi va a piedi.
‘E ccunuscite a sti milorde,
chille stanno ‘nguajate ‘e sorde.
‘E pate só’ tanta scurnacchiate
e campano ‘ncopp’ ‘a famme ‘e ll’ate.
San Gennà’, pènzace tu,
ca tanto d’ ‘e ‘mbruoglie ‘un se campa cchiù.
Li conoscete questi “milord”,
quelli che sono pieni di soldi.
I padri sono tanti cornuti
e vivono sulla fame degli altri.
San Gennaro, pensaci tu,
perchè grazie agli imbrogli non si vive più.
Mme ne vaco pe’ sott’ ‘o muro
e sento ‘addore d’ ‘e maccarune.
Mme ne vaco pe’ Qualiano
e sento ‘addore d’ ‘e ppatane.
Passeggio sotto il muro
e sento l’odore dei maccheroni.
Passeggio per Qualiano
e sento l’odore delle patate.
Mme ne vaco p’ ‘o Granatiéllo
e sento ‘addore d’ ‘e friariélle.
Ma si vaco add’ ‘o putecaro
tutte cosa va cchiù caro.

Ma vedite quando maje
‘sta miseria va aumentanno.

Passeggio per il Granatiello
e sento l’odore dei friarielli.
Ma se vado dal negoziante
costa tutto più caro.

Ma guardate quanto
questa miseria sta aumentando.

E aumenta ogge,
aumenta dimane
e doppodimane,
sabato sí
e dummeneca no.
E aumenta oggi,
aumenta domani
e dopodomani,
sabato sì
e domenica no.
Chi fatica se more ‘e famme
na vota ca sì
e na vota ca no.
Chi lavora muore di fame
una volta sì
e una volta no.
Chi fatica se more ‘e fammma
na vota ca sì
e na vota ca no.
Chi lavora muore di fame
una volta sì
e una volta no.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...