Mons. Gerhard Ludwig Müller: Il valore del matrimonio sacramentale

 MATRIMONIO

«Alla crescente mancanza di comprensione circa la santità del matrimonio la Chiesa non può rispondere con un adeguamento pragmatico a ciò che appare inevitabile, ma solo con la fiducia piena nello spirito di Dio, perché possiamo conoscere ciò che Dio ci ha donato». Lo ha ribadito l’arcivescovo Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, nel saluto rivolto al Papa all’inizio dell’udienza.
«Il matrimonio sacramentale — ha affermato in proposito — è una testimonianza della potenza della grazia che trasforma la persona umana e prepara tutta la Chiesa per la Città santa, la nuova Gerusalemme». Dunque «accogliere nella fede il dono che Dio stesso prepara è il primo e fondamentale passo per promuovere nella vita la persona, il matrimonio e la famiglia, per la Chiesa e per tutta la società».
Spiegando al Pontefice che «il verbo fondamentale che qualifica il nostro lavoro è il verbo promuovere», il presule ha ricordato le parole di Paolo VI: «Oggi la fede si difende meglio promuovendo la dottrina». E «proprio per permettere alla luce della fede di brillare in tutto il suo splendore — ha aggiunto — occorre promuovere, tutelare e custodire l’integrità della dottrina, tanto nella professione della fede quanto nella pratica concreta della vita». Del resto, la «sana dottrina» non è «una teoria astratta di alcuni esperti, ma la parola di Dio posta sulla bocca della Chiesa, che suscita la fede, senza la quale è impossibile piacere a Dio».
Servire questa parola è il compito fondamentale del dicastero. Compito al quale, ha assicurato l’arcivescovo, «quotidianamente ciascuno di noi, con impegno e letizia per la responsabilità che gli è stata affidata, si dedica» attraverso il metodo di lavoro della «collegialità a tutti i livelli». Al riguardo monsignor Müller ha voluto ringraziare quanti lavorano al servizio della Congregazione — «tutti altamente qualificati, dediti al lavoro e radicati nella preghiera» — a cominciare «dai più stimati cardinali fino ai nostri collaboratori». E, ha detto, «vorrei menzionare tra di loro la nostra signora Speranza, che ogni giorno si occupa di tenere in ordine i nostri spazi comuni e che pure ho voluto personalmente invitare a questo incontro: tutti sono importanti per il nostro lavoro comune».

L’Osservatore Romano, 1° febbraio 2014.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...