La mensa di Natale [ dei frati ] secondo San Francesco.

Giotto_-Affresco_-Il Presepe di Greccio_-Storie_di_San_Francesco_-Basilica_superiore_di_Assisi-_Legend_of_St_Francis_-_-13-_-_Institution_of_the_Crib_at_GreccioPropongo un brano tratto dallo “Speculum Perfectionis” che ci riporta un episodio avvenuto a Rieti.
Il lettore attento ed arguto si accorgerà che il contenuto del brano non è assolutamente in antitesi con quello proposto ieri in cui San Francesco desidera abbondanza di cibo per tutti, anche per gli animali. San Francesco non mette in discussione i cibi, il necessario della mensa, ma mette in discussione “l’eleganza e la ricercatezza” e “la ricerca del superfluo” con cui è stata addobbata la mensa. San Francesco biasima anche che la tavola sia stata posta in modo più alto “più elevate” del dovuto. Qui possiamo apprezzare un uso straordinario delle parole e del simbolismo, in pieno accordo con quanto  è “umile”, basso, che sta sotto, a terra. L’umiltà tanto amata da Francesco; cosi come tanto amava i poveri in cui riconosceva l’immagine del Signore. “Avere mense basse e semplici” significava per Francesco avere mense a cui tutti, specialmente i poveri potessero accostarsi “alla pari e vicino a loro, non il povero per terra e i frati più in alto” e alla cui vista “i secolari ne traessero edificazione“. Insomma, in ogni occasione San Francesco ricorda ai suoi frati l’importanza di sentirsi ed essere “minori”.

COME RIMPROVERÒ CON LA PAROLA E L’ESEMPIO

I FRATELLI CHE AVEVANO IMBANDITA RICCA MENSA

NEL GIORNO DI NATALE

Un ministro dei frati si era recato da Francesco, per celebrare con lui la solennità del Natale, nel luogo di Rieti. E i frati, per festeggiare il ministro e la ricorrenza, prepararono le mense in maniera alquanto distinta e ricercata il giorno di Natale, stendendo belle tovaglie con vasellame di vetro.

Scendendo Francesco dalla cella per desinare, vide che erano state poste mense più elevate e preparate con cura. Tosto si allontanò nascostamente, prese il bastone e il cappello di un povero venuto colà quel giorno e, chiamato sottovoce uno dei suoi compagni, uscì fuori dalla porta del luogo, a insaputa dei frati. Il compagno restò dentro, vicino alla porta. Intanto i frati entrarono alla mensa, poiché Francesco aveva ordinato che non lo aspettassero, quando non fosse giunto all’ora della refezione.

Rimasto fuori un po’di tempo, bussò alla porta e il suo compagno tosto gli aprì; il Santo, avanzando col cappello sul dorso e il bastone in mano, andò all’uscio della stanza in cui i frati desinavano. E come un pellegrino e povero implorava: «Per amore del Signore Dio, fate l’elemosina a questo pellegrino povero e malato!». Il ministro e gli altri lo riconobbero subito. Il ministro gli rispose: «Anche noi siamo poveri, fratello, e poiché siamo in molti le elemosine che abbiamo sono sufficienti al nostro bisogno. Ma per amore di quel Dio, che hai nominato, entra nella stanza e divideremo con te le elemosine donateci da Dio».

Entrò Francesco e si fermò in piedi davanti alla tavola dei frati; il ministro gli diede la scodella in cui mangiava e del pane. Egli li prese umilmente, sedette vicino al fuoco, di fronte ai fratelli seduti a tavola, e sospirando disse loro: «Vedendo una mensa apprestata con tanta eleganza e ricercatezza, ho pensato che non fosse la tavola di religiosi poveri che ogni giorno vanno a carità di porta in porta. A noi, miei cari, si addice seguire l’esempio della umiltà e povertà di Cristo più che agli altri religiosi, poiché a questo siamo chiamati e questo abbiamo promesso davanti a Dio e agli uomini. Adesso sì mi sembra di star seduto come si conviene a un frate minore, poiché le solennità del Signore sono più onorate con l’indigenza e la povertà, per mezzo della quale i santi si guadagnarono il cielo, anziché con la raffinatezza e la ricerca del superfluo, a causa delle quali l’anima si allontana dal cielo».

Di ciò arrossirono i fratelli, considerando ch’egli parlava la purissima verità. E alcuni cominciarono a piangere forte, vedendo Francesco seduto per terra, e come puramente e santamente aveva voluto correggerli e ammaestrarli. Ammoniva invero i frati ad avere mense basse e semplici, in modo che i secolari ne traessero edificazione, e se qualche povero sopraggiungesse invitato dai frati, potesse sedersi alla pari e vicino a loro, non il povero per terra e i frati più in alto.

Dallo “Speculum Perfectionis

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...